Loading...

Tecnologia a secco, un'autentica innovazione!

La prima attenzione nella progettazione dei nuovi edifici ad alta efficienza energetica stà nella definizione delle caratteristiche dell’involucro esterno, le pareti perimetrali devono essere in grado di disperdere pochissimo calore in inverno, e farne entrare il meno possibile d’estate.

Con questo obbiettivo la tecnologia a secco prevede l’impiego di pareti a più strati dove viene separata la funzione di  rivestimento da quella strutturale dei componenti edilizi, non si utilizzano pertanto blocchi in laterizio e un cappotto esterno isolante, ma una successione più strati  isolati contenuti e separati da doppi pannelli in fibrogesso e lastre in cemento rinforzato verso l’esterno, con un netto aumento della capacità di isolamento termico e acustico.  
La parete esterna prevede pertanto uno strato isolante esterno di Polistirene Espanso Sinterizzato di 80 mm e due strati interni di Lana di Roccia di 60 mm di spessore ciascuno per complessivi 20 cm di isolante pur mantenendo inalterato lo spessore complessivo della parete.

La medesima tecnologia viene impiegata nei muri di divisione tra gli alloggi e nei tavolati interni per assicurare il miglior comfort termo acustico.

La tecnologia a secco viene ora impiegata nelle migliori strutture alberghiere ed ospedaliere dove il comfort termo-acustico è essenziale per il funzionamento delle strutture in abbinamento alla sicurezza antincendio garantita da queste soluzioni.

La tecnologia a secco permette, inoltre, una più facile modificabilità degli spazi interni dell’alloggio in quanto consente una complessità d’intervento minore con conseguente minori costi di demolizione e trasformazione.

La tecnologia a secco permette infine di ridurre del 30% le emissioni di CO2 nella fase di produzione del materiale rispetto ad soluzione tradizionale con medesime prestazioni.